Camera Donna Franca Florio, imprenditrice

(Palermo 1874 – Migliarino Pisano 1950)
Donna Franca Florio fu una delle figure di maggiore spicco della Belle Epoque Siciliana.

Figlia del Barone Jacona di San Giuliano e di Costanza Notarbartolo di Villarosa, nel 1893, a soli diciannove anni, andò sposa al giovane Ignazio Florio, ultimo esponente di una dinastia di geniali imprenditori di origine calabrese che, nel corso di tre generazioni, dalla metà del XIX° secolo al primo ventennio del ‘900, fondarono in Sicilia un vero e proprio impero economico. La principale attività degli industriali siciliani era quella armatoriale. La loro compagnia di navigazione, la Navigazione Generale Italiana, gestiva i servizi postali fra la Sicilia e il Continente.

I Florio possedevano, poi, in Provincia di Trapani, gli stabilimenti enologici per la produzione del famoso Marsala Florio; il cantiere navale di Palermo con annesso scalo di alaggio; le miniere di zolfo in Provincia di Caltanissetta; la Fonderia Oretea, che rappresentava la più importante industria metallurgica di tutto il meridione d’Italia. Erano proprietari delle Isole Egadi, dove gestivano la pesca del tonno e l’industria per la sua conservazione. Avevano dato vita, inoltre, ad aziende tessili e chimiche, ed avevano interesse in campo bancario, alberghiero, turistico, sportivo. Al loro nome sono legate, infatti, la famosa Targa Florio, una fra le prime e più prestigiose gare automobilistiche del secolo scorso, ed il Grande Albergo Villa Igiea, progettato dal famoso architetto siciliano Ernesto Basile, dove in quegli anni furono ospitate le teste coronate di tutto il mondo.

DSC_9782-Modifica
Boldini6-1
DSC_9714
francaflorio

Franca Florio era una donna di straordinaria bellezza e, tuttavia, ricordarla solo per la sua avvenenza sarebbe fare un torto alla gentildonna palermitana che ebbe un ruolo determinante nella ascesa di Casa Florio offrendo un insostituibile supporto alle attività imprenditoriali del marito. Godette dell’incondizionata ammirazione del Kaiser Guglielmo II°. Con Gabriele D’Annunzio, che l’aveva soprannominata “La Divina”, intrattenne una cordiale amicizia. Fu celebrata da poeti e musicisti, scrittori ed artisti, da Robert de Montesquiou a Trilussa, da Mascagni a Leoncavallo, da Matilde Serao a Neera, da Boldini a Ettore De Maria Bergler, che la immortalarono nei loro ritratti, mentre Augusto Canonica la ritrasse in un bel busto di marmo.

La chiamarono “l’Unica” e anche “La Regina di Palermo”. Ma la figura di Donna Franca non può prescindere dal contesto di Casa Florio, di cui fu parte integrante. Nella loro splendida villa nel Parco dell’Olivuzza a Palermo, furono ospiti in quegli anni, oltre al Kaiser ricevuto insieme con l’Imperatrice Augusta Vittoria, sovrani ed esponenti dell’aristocrazia Europea, poeti e artisti, ma anche banchieri e uomini di finanza, quali Morgan, Vanderbilt, Rothschild, con i quali la Famiglia Florio intratteneva rapporti d’affari.

La vita di Donna Franca Florio fu così densa di eventi, di relazioni, di gioie e di dolori, di splendore e di miseria, da poter essere paragonata ad un avvincente romanzo di appendice.

Nel primo decennio del XX° secolo, poi, per motivi assai complessi di ordine economico, ma anche politico, lentamente ed inesorabilmente inizia la parabola discendente del casato, che avrà il suo drammatico epilogo negli anni venti, quando Donna Franca sarà costretta a vendere all’asta i suoi favolosi gioielli e i Florio, con il rovinoso fallimento delle loro imprese, si vedranno privati di tutti i loro beni. E’ questo il periodo più triste e più drammatico della mirabile storia di questi grandi industriali siciliani, che contrassegnarono un’epoca. Con grande dignità vedremo Franca Florio affrontare, lontana dalla Sicilia, gli anni durissimi della sua vecchiaia senza rimpianti, senza recriminazioni. Dimenticata da quella Palermo di cui era stata la regina, la gentildonna siciliana si spegnerà a Migliarino Pisano, nella Tenuta della figlia Igiea Salviati Florio, e tornerà nella sua Città solo per trovare posto nella monumentale tomba di famiglia nel Cimitero di Santa Maria di Gesù.

DSC_9669-Modifica-3
francaflorio2
DSC_9749
thumb-1
null

Servizi in dotazione

La dotazione di ogni camera comprende:

  • Bollitore elettrico con selezione di tisane e tea;
  • “Flying”, frigobar di design;
  • Cassaforte;
  • Tv;
  • Moleskine e lapis per appunti e schizzi di viaggio;
  • Set di cortesia bagno uomo e donna.

offerte apertura

null

gallery

null

SUGGERIMENTI PER IL VIAGGIO

In commodo dolor vitae sem vulputate pellentesque. Aliquam sit amet mattis mi. Proin sed nulla mi. Curabitur commodo lectus sit amet leo dignissim, id tempus nisl pellentesque

In commodo dolor vitae sem vulputate pellentesque. Aliquam sit amet mattis mi. Proin sed nulla mi. Curabitur commodo lectus sit amet leo dignissim, id tempus nisl pellentesque

In commodo dolor vitae sem vulputate pellentesque. Aliquam sit amet mattis mi. Proin sed nulla mi. Curabitur commodo lectus sit amet leo dignissim, id tempus nisl pellentesque

In commodo dolor vitae sem vulputate pellentesque. Aliquam sit amet mattis mi. Proin sed nulla mi. Curabitur commodo lectus sit amet leo dignissim, id tempus nisl pellentesque

null

QUALCHE DOMANDA?

null

ABBONATI ALLE NOSTRE NEWS

EnglishItaly